SCEGLI IL CINEMA
filtra per filtra per

Detroit

  • Uscita:
  • Durata: 142min.
  • Regia: Kathryn Bigelow
  • Cast: John Boyega, Will Poulter, Will Poulter, Jack Reynor, Anthony Mackie, Algee Smith, Ben O'Toole, John Boyega, Hannah Murray, Jason Mitchell, Jack Reynor, John Krasinski, Anthony Mackie, Algee Smith, Anthony Mackie, Ben O'Toole, Jack Reynor, Algee Smith, Jacob Latimore, Jason Mitchell, Ben O'Toole, Hannah Murray, John Krasinski, Jacob Latimore, Kaitlyn Dever, Jacob Latimore, Hannah Murray, John Krasinski, Kaitlyn Dever, Laz Alonso, Malcolm David Kelley, Jeremy Strong, Tyler James Williams, Nathan Davis Jr., Peyton 'Alex' Smith, Joseph David-Jones, Ephraim Sykes, Leon G. Thomas III, Gbenga Akinnagbe, Chris Chalk, Austin Hébert, Miguel Pimentel, Samira Wiley, Mason Alban, Bennett Deady, Tokunbo Joshua Olumide, Benz Veal, Dennis Staroselsky, Darren Goldstein, Karen Pittman, Zurin Villanueva, Eddie Troy, Ricardo Pitts-Wiley, Joey Lawyer, Will Bouvier, Morgan Taylor, David Flannery, Timothy John Smith, Kris Sidberry, Lizan Mitchell, Chris Coy, Ato Blankson-Wood, Glenn Fitzgerald, Henry Frost III, Frank Wood, Malcolm David Kelley, Jeremy Strong, Tyler James Williams, Laz Alonso, John Boyega
  • Prodotto nel: 2017 da MEGAN ELLISON, KATHRYN BIGELOW, MATTHEW BUDMAN, MARK BOAL, COLIN WILSON PER HARPERS FERRY, PAGE 1 PRODUCTION
  • Distribuito da: EAGLE PICTURES

Film non più disponibile nelle sale

TRAMA

La storia è ispirata alle sanguinose rivolte che sconvolsero Detroit nel 1967. Tra le strade della città si consumò un vero e proprio massacro ad opera della polizia, in cui persero la vita tre afroamericani e centinaia di persone restarono gravemente ferite. La rivolta successiva portò a disordini senza precedenti, costringendo così a una presa di coscienza su quanto accaduto durante quell'ignobile giorno di cinquant'anni fa.

Dalla critica

  • Cinematografo

    Le condizioni che hanno determinato i tumulti del 1967 a Detroit sono sempre là. Lo dice il film omonimo di Kathryn Bigelow – presentato al RomaFF 12 – lo ribadisce la tragedia di Charlottesville. L’America affonda attorno alla statua del vecchio soldato confederato. Che importa a che tempo si coniugano le domande e le risposte, quello che accade a Detroit prescinde dal tempo. Detroit era il passato. Detroit è diventato il presente. Sulla Motor City e le sue rovine fotogeniche, il mondo occidentale ha sempre proiettato i suoi incubi e le sue utopie, raccontando oggi il suo ritrovato stato di grazia. Ma sono i bianchi a progettare il suo rinascimento . Dove sono i neri? Dov’è la schiacciante maggioranza della popolazione (83%)? La città che decolla è una città bianca con linee di tramway che aggirano i quartieri della desolazione dove esplodono (ancora) le proteste. Ossessionata dalla complessità del passato americano e dai ‘territori’ agitati dai conflitti, Kathryn Bigelow punta lo sguardo sulla Detroit del 1967 confermando un cinema edificato su una forte struttura polemica, attiva a livello di contenuto quanto di espressione. Ancora prima di uscire sugli schermi americani il 4 agosto, Detroit è stato oggetto di un processo di legittimità istruito da una parte della critica americana che accusa l’autrice di appropriazione culturale, di aver sfruttato un dramma, quello della brutalità dei poliziotti contro gli afroamericani, che è esclusiva competenza degli oppressi. A chi appartiene il ‘dolore nero’? Con buona pace dei critici a sinistra e di Spike Lee, alcune delle migliori opere recenti sulla condizione dei neri sono realizzate da bianchi ( The Wire o Treme ), la furia delle accuse non offusca l’evidenza. Detroit è un film importante per quello che dice e per come lo dice. Eludendo la compiacenza supposta per una violenza oltraggiosa, il film non esibisce giudizi ma un’insolubile problematicità. Avviato in un contesto di resistenza e ribellione nera, Detroit si rovescia in un racconto di impotenza e passività nera. Gli uomini bianchi hanno il potere, i mezzi, i tribunali, le risposte, le assoluzioni. Detroit dimostra l’impotenza del cinema in faccia all’incubo di non sapere e non volere risolvere la questione razziale. Detroit riconosce questa difficoltà e diventa prova tangibile dell’impossibilità di offrire una visione per la sua soluzione. Il film apre su immagini crude animate che ripercorrono la storia della comunità afroamericana, dalle deportazioni all’abolizione della schiavitù, dal massiccio esodo rurale verso i ghetti del Nord al poderoso e sfaccettato movimento politico guidato da Martin Luther King. L’affermazione di partenza è che a Detroit, come altrove a metà degli anni Sessanta, i tempi fossero maturi per il cambiamento. Quando e dove sono le domande poste ma disattese dalla Bigelow che si muove su due immaginari concorrenti nel disputarsi l’attenzione dello spettatore: quello di guerra divorato da quello dell’orrore. Sono i generi, anzi i più istituzionali male-dominate genres , i luoghi in cui agiscono da sempre gli oggetti del cinema della Bigelow. L’autrice apparecchia un sex motel che soddisfa la sua ambizione plastica e in cui insinua un manipolo di poliziotti razzisti alla ricerca dell’arma che un misterioso sniper ha ‘scaricato’ contro di loro. Un’arma giocattolo che spara il colpo che segna l’avvio di quello che l’autrice sa fare meglio: esacerbare la rivalità maschile fino a riassorbirla in una deflagrazione di azione pura. Dall’oscurità emerge un teatro della crudeltà che inverte il rapporto di forza di The Hateful Eight , dove un ufficiale nero costringeva allineati contro il muro dei sospetti sottomettendoli a un’estenuante prova della verità. Qui il maestro di cerimonia è un bully wasp fluttuante dentro un uniforme troppo larga per lui. Interpreti di figure di autorità antitetiche, condividono una medesima logica sacrificale in virtù della quale la giustizia si rimette in un bagno di sangue. Ma laddove l’oltranza tarantiniana derealizzava la violenza, la Bigelow fa sperimentare allo spettatore il terrore appoggiandosi a un verismo scrupoloso che vuole tracciare un edificante parallelo con l’attualità, marcata da un accresciuto numero di afroamericani abbattuti dalla polizia. Il prezzo (calcolato) è un didascalismo che sacrifica i personaggi sull’altare della presa di coscienza, riconoscendogli nient’altro statuto che quello di martiri o testimoni impotenti, riconfermando una nazione che si muove in direzione di due società, una bianca e una nera, separate e mai uguali tra loro. Again.

  • Corriere della Sera

    Chi (...) sposa fino in fondo l'estetica dominante è Kathryn Bigelow (...). Al centro del film, che nella prima parte descrive l'esplodere delle violenze e dei saccheggi con una magistrale capacità di sintesi narrativa e di ritmata spettacolarità, è l'assalto al The Algiers Motel (...) che costò la vite a tre persone. Questo episodio che prende buona parte dei 143' del film, è raccontato con insistenza didascalica, mettendo in evidenza ogni sfumatura dell'odio razziale e della violenza poliziesca. È il cinema muscolare e adrenalinico di cui la Bigelow è campione, giustificato probabilmente dalle irrisolte contraddizioni razziali di un potere 'so white', che finisce per infiammare emotività e rabbie e però non aiuta a ragionare.

Cosa vuoi fare?

Idee per il tempo libero

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Altri film nei dintorni

Toglimi un dubbio

  • Uscita:
  • Regia: Carine Tardieu
  • Cast: François Damiens, Cécile de France, Guy Marchand,...

Quando Erwan, artificiere ultra-quarantenne, scopre per caso che l'uomo che l'ha cresciuto non è il suo vero padre,...

Scheda e recensioni

Una vita spericolata

  • Uscita:
  • Regia: Marco Ponti
  • Cast: Lorenzo Richelmy, Matilda De Angelis, Michela...

Rossi ha meno di trent'anni e un'officina che va a rotoli. Non ha fidanzate, ma ha un migliore amico, BB, ex campione di...

Obbligo o verità

  • Uscita:
  • Regia: Jeff Wadlow
  • Cast: Lucy Hale, Tyler Posey, Violett Beane, Sophia Ali,...

Un'innocente sfida ad obbligo o verità tra amici si rivela mortale quando qualcuno, o qualcosa, comincia a punire coloro...

Nel frattempo, in altre città d'Italia...